Il Nostro Santo Stefano

E dopo Natale ecco giunto Santo Stefano.

Anche in questa occasione vogliamo aprirvi le porte di casa nostra per accogliervi e farvi gustare visivamente i colori e le atmosfere di questa giornata.


Noi per tradizione amiamo festeggiare organizzando delle scampagnate con amici e parenti e così, non ancora sazi della cena del 24 e del pranzo del 25, continuiamo a mangiare tutti in compagnia, e arriviamo a fine serata che ci sentiamo talmente gonfi da promettere che dopo il primo Gennaio inizierà la fatidica dieta, che si sa, solo in pochi o nessuno inizierà a seguire.
Per nostra usanza prepariamo la classica "Furnacella Rusti e Mangia", cioè cuciniamo sulla griglia, per poi assaporare i piatti insieme:



Nell' attesa che tutto sia pronto, passeggiando in giardino assaggiamo un inaspettato aperitivo a base di corbezzoli:


Per nostra fortuna è stato un giorno illuminato dal sole, pertanto dopo pranzo, prima che gli ultimi raggi andassero via, abbiamo potuto fare quattro passi nella spiaggia vicina, lasciando le nostre impronte sulla sabbia, a suggellare il nostro passaggio:



Ritornati in casa ci siamo riscaldati grazie al tepore del fuoco che proveniva dal camino...



...che piano piano alimentavamo con qualche ceppo di legno:


Anche durante questa festa non poteva mancare la classica giocata con le carte e la gettonata tombola.
Così tra una risata e l' altra, tra chi inizia a gridare ambo quando ancora non si è pescato un numero, e tra chi cerca la propria cartella fortunata, c'è chi prepara i tanti agognati premi:


Piano piano si iniziano a coprire i primi numeri e si sbircia chi ci sta vicino per scoprire in quanti riquadri ha posizionato il bottoncino copri-casella.



Ed un numero dopo l' altro, la tensione inizia a crescere aspettando il fortunato a cui sentiremo esclamare "TOMBOLAAAA!!!"


Dopo il gioco, ispirati dal camino, riempiamo le tazze con del tè fumante e della cioccolata calda che si abbinano bene al clima che si è creato casa:



Il tutto accompagnato da un Pandoro innevato con lo zucchero a velo e riscaldato dal fuoco della legna che arde.



E anche questa giornata si è conclusa e così, in maniera spensierata, abbiamo trascorso il nostro Santo Stefano, ed è stato un piacere avere in un certo qual modo anche la vostra compagnia e avervi resi partecipi dei nostri momenti.
Buona domenica!




HAI VISTO QUESTI?

2 commenti